Vi trovate qui: Home Articoli

Chi è online

 27 visitatori online
Immagine
Kick Punch Fit Magazine® N°2
Giovedì 10 Ottobre 2013
... Leggi tutto...
Immagine
Kick Punch Fit Magazine®
Venerdì 27 Settembre 2013
... Leggi tutto...
Immagine
GrMaster Francis FDC 8° Dan
Domenica 24 Febbraio 2013
GRAND... Leggi tutto...
Immagine
The big building
Giovedì 13 Dicembre 2012
The Big... Leggi tutto...

Articoli Scroll

 
News
 
Articoli


PDF Stampa E-mail

Notiziario anno 1.N.2. 2013/2014 News - Gare - Stage - Manifestazioni - Articoli

Martial Arts
MU GEN DO - MU YE DO - STRECHING - FITNESS - KICK BOXING

In questo numero:
- Cool Kick Punch Fit -
- Come vestirsi -
W.O.M.A. International
News - Gare - Stage - Manifestazioni - Articoli

COOL KICK PUNCH FIT

COME MI VESTO?

Hai deciso di iniziare a praticare questa attività?

Niente paura. Non servono tante cose ma quelle da ricordarsi sono essenziali.

Chiaramente bisogna fare una piccola distinzione in base alla stagione, caldo, freddo, se si pratica all’aperto o all’interno di una struttura.

-Prima di tutto per allenarsi serenamente non servono marche, top ecc… da “100 €”, l’importante è sentirsi comodi, a proprio agio e liberi nei movimenti. E’ preferibile scegliere tessuti di materiali naturali e traspiranti piuttosto che sintetici che spesso aumentano la sudorazione, che se non è quella “buona”, possono scatenare irritazioni e allergie, in particolare nel periodo estivo.

-Se ci si allena all’aperto col sole è preferibile vestirsi di chiaro, munirsi di un bel berrettino e perché no? Una spalmata di crema solare di media protezione prima di partire visto che le scottature per alcuni sono sempre in agguato nonché fastidiose!

-Particolare attenzione alle scarpe!! Guai trascurare questo punto!

E’ vero che ogni attività ha il suo tipo di scarpa, ed è per questo che è importante la scelta della calzatura più adatta, e nel caso “fai da te” è opportuno che siano comode, stabili e sufficientemente ammortizzate.

C’è da dire poi che molto spesso si trovano scarpe che non sono delle marche più note ma ugualmente molto buone.


Piccoli consigli (per tutti eccetto il primo):

-per le donne da non trascurare l’utilizzo di un adeguato top o reggiseno sportivo

-cambiarsi sempre la maglietta appena finita la seduta con una maglietta asciutta: non va bene rimanere sudati dopo l’allenamento, quindi munirsi di cambio in borsa

-avere con se un asciugamano da utilizzare durante e dopo l’allenamento

-portarsi sempre la bottiglietta d’acqua naturale da bere prima, durante e dopo la lezione

-azzardate con i colori nel guardaroba e divertitevi a mixarli durante tutto l’anno del corso di K.P.F.

"Enjoy your Kick Punch Fit with right clothes"

Alla prossima! B.B.


 
PDF Stampa E-mail

Notiziario anno 1.N.1. 2013/2014 News - Gare - Stage - Manifestazioni - Articoli

Martial Arts
MU GEN DO -  MU YE DO - STRECHING - FITNESS - KICK BOXING

In questo numero:
- Introduzione al KPF Magazine -

W.O.M.A. International
News - Gare - Stage - Manifestazioni - Articoli

Benvenuti in Kick Punch Fit magazine®!

Mi chiamo Beatrice e sono una studente, praticante e insegnante di K.P.F.® nella Y.D.Master Francis’ School da diversi anni!

Insieme a Gr. Master Francis, founder of J.o.b. art in Martial Artist, abbiamo pensato di dedicare una parte del sito a questo “diario” che tratterà diversi temi e vi darà piccoli e interessanti consigli sull’alimentazione, l’allenamento e tecniche inerenti.

Molto spesso si vede l’attività fisica come una restrizione faticosa giusto per mantenere il peso o bruciare calorie e il cibo come un nemico giornaliero da combattere che costringe, soprattutto noi donne, a vivere perennemente in sofferente “dieta”, e ciò in particolare quando vi è associata la poca passione e il poco desiderio di fare del movimento o altre attività come la camminata. E’ qui che subentra questo diario di welness, per farvi vedere tutti i lati positivi di questa pratica e dimostrarvi quanto può risultare piacevole anche out door.

Chiaramente, cari studenti di K.P.F.® e in generale della Y.D.Master Francis’ School e affiliati W.O.M.A. Int'l, ognuno di voi trarrà ciò che più gli interessa, ma mi raccomando, seguite tutte le sedute e i miei articoli, anche perché vi svelerò delle cosine interessanti e anche qualche ricettina da provare assolutamente sia cucina orientale che occidentale!

Enjoy it!


 
PDF Stampa E-mail

GRAND MASTER FRANCIS

8° Dan in Martial Art e Philosophy & Life Skills®


Sabato 28 Maggio 2011, in occasione dell’11° Budo Mudo Camp, ho avuto l’onore, in qualità di Presidente Woma, di assegnare l’8° Dan di Mu Gen Do Sport Karate e Mu Ye Do Korean Sport Martial Arts al neo Gran Maestro Francesco Favalessa Dal Castello.

Un riconoscimento che vuole premiare, nel 30esimo anniversario dalla nascita della sua Master Francis School, una lunga e prestigiosa carriera.

Riconosciuto, stimato ed apprezzato per le doti tecniche di abilità motorie e di insegnamento a livello nazionale ed internazionale, quanto per la sua nobile e umile pratica, da sempre si dedica alla pratica delle arti marziali con passione, dedizione e professionalità. Qualità che stimo pienamente e che gli hanno permesso di legare il suo nome alla storia italiana ed internazionale, riuscendo a portare per la prima volta in Italia, nella serata del 27 Maggio 2010, “The living legend” Grm J. Rhee.

Ho partecipato personalmente a questa splendida serata come artista del team Venice Lion Dance e devo ammettere che è stata una serata ed uno spettacolo indimenticabile.

Questo splendido spettacolo conferma la concezione di GrMaster Francis delle sue arti marziali artistiche, che da sempre apprezzo e vivo pienamente. Molti infatti sono stati gli eventi organizzati da GrMaster Francis (calcolo più di 120 eventi). A molti di questi vi ho preso parte sia con il mio incarico per la W.o.m.a. sia come studente della sua scuola, e sia come atleta del vecchio Team Double Kick e, come prima ho riportato, come artista del Team Lion & Dragon Dance (i team esibitivi della Master Francis School).

In tutti era presente questa raffinata componente che fa di GrMaster Francis un vero Artista delle arti marziali. Un ricordo di questi anni che ancora adesso mi danno gioia e a volte mi commuovono.

Trovo le qualità tecniche di un valore e di una completezza unica, cosa condivisa anche dallo stesso Grm Rhee, che tanto lo avevano colpito quando 4 anni fa, GrMaster Francis durante un soggiorno negli Stati Uniti, e su consiglio, era riuscito ad avere un incontro privato con lui.

Ho anche avuto il piacere di presenziare alla conferenza stampa antecedente lo spettacolo “The living legend Grm J. Rhee” svoltasi il 25 maggio 2011, dove di persona ho sentito queste parole direttamente da GrM Rhee.

Con la mia carica di presidente W.o.m.a. ho avuto occasione di sentire molti altri rinomati Maestri italiani esprimere e confermare i miei pareri positivi. Vorrei ricordare la sua eccletticità in tutti gli stili da lui praticati, confermata più volte da maestri come Grm Hwang K.S. k 9-1, ma anche nomi italiani come il maestro Milani, i maestri Lorini e altri ancora.


Tutt’oggi, grazie al suo metodo (J.o.b. Art in Martial Art®), alla genetica e all’allenamento GrM Francis non ha età. Ammiro e stimo anche questa sua parte. La W.o.m.a. Int'l, anche per questo, può ritenersi fortunata e vantare di avere Grm Francis come fondatore. Ora collabora assieme ad essa come consulente tecnico.

Ha contribuito a rendere la W.o.m.a. una realtà socio-sportiva regionale, nazionale e internazionale, apolitica, solida e concreta, e nella quale ha creduto dalla sua nascita (da registro il 1 Marzo 1999), e nella quale non ha mai smesso di credere e sostenere.

Ritengo, e cosi sicuramente confermeranno i maestri in precedenza citati, Grm Francis un nobile praticante. Una persona giusta, generosa e rispettosa. Un signore delle Virtù delle Arti Marziali.

Congratulazioni Grm Francis per il traguardo raggiunto, mi auguro che i prossimi anni siano pieni di altrettanti riconoscimenti per l’altruismo dato e di collaborazioni.

Con l’occasione faccio i miei più calorosi auguri di Natale e felice anno nuovo a GrMaster Francis e a tutti i tesserati e praticanti W.o.m.a.

Vorrei infine concludere citando questo significativo credo filosofico di Gran Master Francis:


... Practice ...

" Joy of biomotory art in harmony,

a truth of life "

"Gioia dell'arte biomotoria in armonia,

una verità di vita"

-Peace and Harmony-
Master Francis
Job Art in Martial Art®

 

Pres. Woma Int'l

 
PDF Stampa E-mail

TITOLO: MU GEN DO SPORT KARATE e MU YE DO KOREAN MARTIAL  ARTS. VOLUME 1 per Istruttori e Praticanti

AUTORE: Master Francesco Favalessa Dal Castello

PAGINE: 182

FORMATO: Illustrato, brossura

ANNO: 2012

CASA EDITRICE: AltroMondo (Padova)

RECENSIONE:

Questo manuale contiene l'origine del Mu Gen Do Sport Karate e un accenno di storia dell'origine delle arti marziali. Inoltre vi si possono trovare i primi passi del Mu Gen Do Sport Karate, il contributo della Woma Int'l nella sua diffusione, la filosofia pratica, l'evoluzione tecnica e pratica, e i tributi ad esso dedicati. Una guida pratica, con suggerimenti di allenamento dove si potranno associare immagini ed illustrazione e video di supporto che aiuteranno in modo semplice a comprendere meglio i concetti espressi.

Un libro di facile consultazione, reso ancora più ricco da valenti concetti dell'autore. Un manuale che va letto più volte per una comprensione più piena dei concetti Join Us in Training.

Nel suo interno puoi trovare:

- Cos'è il Mu Gen Do Sport Karate Point Sparring;

- Cos'è il Mu Gen Do Sport Karate Forms;

- Le origini delle arti marziali e del Mu Gen Do Sport Karate;

- Avviamento all'allenamento con cenni di anatomia e fisiologia;

- Esercizi mirati di stretching ed esercizi di resistenza e di forza;

- Le tecniche basi di pugno;

- Le tecniche basi di calcio;

- Le forme basi;

- I One Step Sparring (Duo Sparring);

- Il Mu Gen e Mu Ye Tai Chi;

- Cenni e aforismi di filosofia di pratica;

- Regolamenti Tecnici ed Arbitrali Woma International: Semi Contact (one point sparring) e Light Contact (continuos point sparring);

- Tributi ed altro ancora;

 

REVIEW:

This manual contains the origin of Mu Gen Do Sport Karate and a hint of a story of the origin of the martial arts . Also there you can find the first steps of Mu Gen Do Sport Karate, the contribution from Woma Int'l in its diffusion, practical philosophy, the technical development and practice, and tributes dedicated to it. A practical guide, with training tips where you can find images and illustrations and video support that will help simply to better understand the concepts.

A book easy to read, made even richer by skilled concepts of the author. A manual should be read several times to a fuller understanding of the concepts join Us in Training.


Inside you can find:

- What is Mu Gen Do Sport Karate Point Sparring;

- What is Mu Gen Do Sport Karate Forms;

- The origins of the martial arts and Mu Gen Do Sport Karate;

- Introduction to training with anatomy and physiology;


- Techniques bases of punch;

- Techniques bases of kick;

- Basic Forms;

- The One Step Sparring (Sparring Duo);

- Aphorism of philosophy of practice;

- Technical Rules and Arbitration Woma International:
Semi Contact (one point sparring) e Light Contact (continuos point sparring);

- Tribute and more;

 
PDF Stampa E-mail

The Big Building

World Championship wtka 2012

Martial Art Marathon


Il 2012 è il 15° anniversario di nascita della W.o.m.a. Int'l, infatti essa viene fondata, grazie a Master Francis e alcuni suoi collaboratori, nel 1997 per la promozione e pratica del Mu Gen Do Sport Karate e del Mu Ye Do Korean Martial Arts. E’ un'organizzazione apolitica, con un 60 % di pratica in sintonia con la filosofia di Master Francis (che ora vi collabora attivamente come consulente tecnico) e 40% di attività socio sportiva libera da “retrograde” imposizioni, per cui è libera nello scegliere e accedere ad altre realtà con lo stesso concetto di “libero”. Per questo la W.o.m.a. Int’l partecipa al World Championship Wtka 2012, infatti è una realtà Open Style (un concetto che la W.o.m.a. Int’l applica fin dalla sua nascita) dove si possono confrontare differenti nazioni e differenti organizzazioni e federazioni senza nessun “vincolo o pregiudizio”, “in tal senso libero”.

La Woma Int’l in collaborazione con la YD MFS, ha selezionato un gruppo di studenti praticanti per partecipare a questa Maratona Marziale.

La partenza era prevista mercoledì 31 Ottobre, il giorno di Halloween, tra le decorazioni e le maschere di questa festa. Ma il fermento dei ragazzi della selezione Woma Intl’ era rivolto verso il viaggio che da lì a poco avrebbero intrapreso.

Anche questa volta Master Francis non ha sbagliato nella selezione proposta, in collaborazione e pienamente approvata dalla Commissione Tecnica della W.o.ma.  Infatti buoni sono stati anche i risultati dei “novizi” che per la prima volta partecipavano a questo World Championship. Essi erano scettici sui loro risultati;  ma sono stati rassicurati, dicendo che quello che viene loro insegnato, se correttamente applicato funziona e così è stato, e da loro stessi confermato!

“La MFS per propria filosofia non pratica l’arte marziale come agonismo. Anzi direi totalmente l’opposto. Ma sono certo che Master Francis saprebbe far risaltare anche un saltatore in alto! Segno che conosce la materia della motoria, e le arti marziali, e questo da valore al suo metodo Job Art® (Joy of Biomotory Art in Martial Art).”

E’ tarda sera quando questi ragazzi mettono piede all’interno dell’area fieristica della località marittima di Marina di Carrara, dove l’indomani inizierà, per quattro giorni, questa World Championship Marathona Open Style delle arti marziali.

Però prima tappa al Bed&Brekfast per risanare gli animi e per sentire l’aggiornamento e gli ultimi consigli. Infatti MF anche se non era presente fisicamente  a Marina di Carrara, lo si sentiva come ci fosse con lo “spirito”. Non bisogna dimenticare che per questi studenti praticanti questa esperienza è stata resa più speciale grazie a tale sostegno.  “Questo è appurato e confermato da tutti noi studenti praticanti!”

La sveglia di buon ora, ogni mattina, era alle 07:30  per la colazione. L’ingresso sempre pieno di atleti di tutte le età e provenienti da diverse nazioni (si calcola più o meno 60 le nazioni presenti), creano un'emozione e stupore nel gruppo, soprattutto per quei  praticanti che per la prima volta partecipano a questa manifestazione.

Per una piccola realtà come la W.o.m.a. Int’l questo World Championship Wtka 2012 in stile americano Open (simile anche ai grandi tornei  Francesi, Tedeschi e Inglesi) è un buon posto, seguendo la propria filosofia di pratica, per misurarsi. Infatti non è chiuso e non è riservato alle sole “federazioni ufficiali”, per cui vi si trovano atleti “ufficiali” e non, e professionisti del settore.

Positivi i bilanci dei piazzamenti delle prime due giornate nelle categorie di combattimento punto stop maschile e femminile e nella categorie di forme Tai Chi. Ancora migliori sono stati quelli delle ultime due giornate nelle categorie di forme Taekwon-Do a squadre ed individuale, nelle tecniche di potenza e nello sparring e nella categoria di forme Tai Chi con armi.

Ma vediamo nel dettaglio i risultati di questa selezione W.o.m.a. Int’l:

Giulia, che si aggiudica un terzo posto nella categoria di combattimento punto stop 13, 14, 15 anni di peso superiore. A sua detta molto divertente come categoria avendo per la prima volta affrontato opponenti più grandi provenienti dall’Inghilterra e dalla Germania, anche se il dubbio, avendo lei appena compiuto 13 anni, nella equità di livello di corporatura c’era. Concludeva con un primo posto nella sua categoria junior di point sparring e un terzo posto nelle forme singole di Taekwon-Do opponendosi ad avversari spagnoli e dalla Svizzera. Buona la sua prestazione.

Beatrice istruttrice di Kick Punch Fit® della YD MFS, alla sua terza esperienza in questa gara ha riconfermato un secondo posto (come nelle due edizioni precedenti) nella categoria di combattimento punto stop, mancando il gradino più alto del podio con un'avversaria dalla Cecoslovacchia  e un terzo posto sempre nel combattimento punto stop dove il podio è stato dominato da atlete provenienti dal Galles. Discreti la sua prestazione e risultato.

Kevin cintura colorata anche lui alla sua prima esperienza in un così grande torneo, ha dovuto confrontarsi con ragazzi suoi coetanei cinture nere. All’inizio dubbioso nel vedere il colore della cintura, ma appena entrato, ricordandosi magari le parole di MF, non ha avuto problemi nel passare i primi turni con avversari inglesi e tedeschi. Ha dovuto però, per poco, fermarsi al quarto posto. Non male come prima esperienza per questo giovane praticante.

IanLuca M., il nostro ragazzo dall’Argentina, un tornado di energia, nella sua prima categoria di combattimento ha faticato a trovare il giusto “grip” o “tenuta”  nel quadrato arrivando terzo. Il giorno dopo con un più giusto ritmo e meno “furioso”  ha portato a casa un altro terzo posto nella categoria combattimento punto stop, e il terzo giorno, in salendo, un primo posto nelle forme Taekwon-Do. Concludendo, buona la sua prestazione.

Francesco M., anche lui cintura colorata alla sua prima esperienza in un torneo internazionale, è partito molto contratto e poco morbido sulle tecniche di gambe, arrivando nella prima categoria di combattimento punto stop al quarto posto. Molto meglio il giorno dopo che partendo con più sicurezza  e velocità, dopo le raccomandazioni del coach, ha portato a casa un bel primo posto in combattimento punto stop. Buono il risultato.

Alberto, che nella sua prima esperienza 2 anni fa aveva portato un tris di primi, quest’anno ha fatto un po’ il veterano con i più “inesperti” compagni. Buona la prestazione in combattimento arrivando su due categorie al terzo posto  affrontando nei primi turni ragazzi dall’Inghilterra, dalla Germania e dal nord Africa. Applaudito dagli inglesi il nostro, come lo ha sopranominato MF, “symphatetic eyes”.

Concludendo ottima la prova nella categoria di forme a squadre arrivando, assieme ai compagni Maurizio Bozzetto e Yuri Marcon, meritatamente al primo posto. Un secondo posto invece nelle forme singole di Taekwon-Do.

Alberto,  Tecnico W.o.m.a. negli old style stili interni (istruttore della YD MFS), nel suo anno migliore, il nostro praticante mancino di Tai Chi , ha portato a casa un terzo posto nella forma Tai Chi della spada. Un secondo posto nella categoria di Tai Chi a mani nude. Esemplare la sua calma e placidità nell’aspettare, forse proprio come insegna questa disciplina, il suo turno per ore. In conclusione buona la sua performance in questa manifestazione.

A. O., che dopo i suoi dubbi iniziali sciolti da MF, ha per quattro giorni guidato con il suo orientamento la squadra tra le vie di Marina di Carrara. Buone anche le sue prestazioni all’interno dei quadrati, solo in finale fermato da un “ più gigante” inglese arrivando secondo nella sua  categoria junior di sparring, un terzo posto nella categoria superiore di combattimento punto stop. Concludendo, un primo posto nelle categorie singole di Taekwon-Do e un quarto posto assieme a Christian Zanchetta nel duo team, dietro all’altra squadra della nostra spedizione, a quella inglese e spagnola.

Y. M., praticamente “nato” nella YD MFS, nonostante sia stata la prima volta anche per lui in questo mondiale, ha dimostrato, grazie alla sua esperienza di pratica , “calma, pazienza e compostezza” seguendo con attitudine e attenzione i più piccoli e il susseguirsi delle categorie, concludendo con un primo meritato posto nella categoria forme a squadre assieme ad altri due studenti MFS, ed un terzo posto nella categoria di forme singole. Lui stesso si è detto soddisfatto da questi risultati. Una squadra questa che aveva già dato risultati nelle gare della W.o.m.a. Int’l.


Grande in questi giorni è stato il lavoro della Coach/Responsabile del gruppo la Maestra Ornella Bortoluzzi 6° dan, vice presidente W.o.m.a. Int’l, un' esperta fin da ragazzina nelle competizioni, nonché arbitro internazionale, che è riuscita abilmente a cavarsela in tutti i quadrati seguendo tutto il gruppo e facendo sentire la sua “voce” anche alla pool arbitrale, destreggiandosi tra organizzatori e responsabili sulle insufficienze ed errori arbitrali in una grande manifestazione come questa. D'altronde era una atleta di quelle per così dire “ufficiale”, arrivata 5° agli europei Wado, ma che oggi condivide i principi della  Wtka e della YD MFS. E naturalmente per della W.o.m.a. Int’l.

Insomma a detta di tutti una bella esperienza. E per questo bisogna ringraziare la W.o.m.a Int’l, Master Francis e la sua scuola.

Senza di essi,  non potrei essere qui a scrivere in questo momento, come molti altri studenti non avrebbero la possibilità di condividere esperienze e momenti nel loro percorso di pratica.

Thanks.

Ps. Con l’occasione di questo articolo porgo a nome della Woma Int’l auguri di buone vacanze natalizie, auguro fruttuosi e piacevoli allenamenti e un arrivederci all’Italian National Championship Unified 2013.

Commissione Tecnica Woma Int’l

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 4

W.O.M.A.

Costituita innanzi al Notaio Dall'Antonia, l'anno 1999 il giorno 11 del mese di Marzo, in V. Veneto, TV.
Regolarmente iscritta all'ufficio registro di Treviso,
l'anno 1999 il giorno 02 del mese di Settembre, in Conegliano Veneto TV.
Logo e Marchio depositato presso l'ufficio brevetti di Treviso.