Vi trovate qui: Home Articoli

Chi è online

 14 visitatori online
Immagine
Kick Punch Fit Magazine® N°2
Giovedì 10 Ottobre 2013
... Leggi tutto...
Immagine
Kick Punch Fit Magazine®
Venerdì 27 Settembre 2013
... Leggi tutto...
Immagine
GrMaster Francis FDC 8° Dan
Domenica 24 Febbraio 2013
GRAND... Leggi tutto...
Immagine
The big building
Giovedì 13 Dicembre 2012
The Big... Leggi tutto...

Articoli Scroll

 
News
 
Articoli


PDF Stampa E-mail

ITALIAN NATIONAL CHAMPIONSHIP UNIFIED ®

 

Italian National Championship Unified® è il nome che è stato registrato  per i campionati nazionali WOMA, quest’anno svoltosi domenica 1 Maggio 2011 nel nordest. Tale nome è stato una vera e propria novità come il luogo dove si è tenuta questa memorabile manifestazione: al Palablu di Codognè, dove, ricordiamo, il 27 Maggio 2010 la Y.D. Master Francis’ School ha organizzato la storica serata che ha avuto come ospite d’eccezione the living legend G.M. Jhoon Rhee.

Mi è stato chiesto di fare un resoconto di questo primo  Italian National Championship Unified® perché probabilmente nessuno avrebbe scritto nulla riguardo questa giornata che sarebbe stata quindi archiviata in breve insieme a tutti i suoi risultati e soddisfazioni.

Gli spalti non erano affollatissimi come quella serata, ma è normale visto che in tutte le gare la cosa importante è che vi sia un buon numero di persone a livello di iscritti alla competizione, e c’è da dire che domenica non sono mancati gli atleti.

E’ bene ricordare, come aveva detto il neo presidente WOMA, alle gare organizzate dalla WOMA possono partecipare sia amatori che professionisti purché iscritti a tale organizzazione/federazione. I non affiliati incorrerebbero, infatti, a “sanzione ed eventuale squalifica dalla competizione” nel caso di controllo.

Detto ciò entriamo nel vivo di questa eccitante giornata che, dopo il discorso di apertura del presidente, ha fatto scorrere a buon ritmo oltre 70 categorie tra forme, circuit breaking, one step e combattimento, grazie anche all’organizzata pull arbitrale diretta dal presidente di giuria Maestra Ornella Bortoluzzi; molto bene le performance dei più piccoli e dei ragazzi che si sono impegnati e, molti di loro, distinti su diverse discipline.

In particolare ha risaltato la determinazione di L. C. in forme Taekwon Do e la simpatica categoria dei mini studenti della Master Francis School; ottimi risultati anche in combattimento dove ha spiccato la tenacia di Ouaissa Z. , Mohamed e Irene che carburando round dopo round ha sconfitto tutte le sue avversarie; sembra invece esser maturato Andrea P. che, con scioltezza e attenzione è salito sul gradino più alto del podio; brava anche l’allieva Lisa S. del Maestro Daniele Coletto che è arrivata prima nella sua categoria. Peccato invece la mancanza degli atleti della scuola N.k. del Maestro E. Bertoncello.

Nelle categorie dei più grandi ha ottenuto ben tre primi posti in forme Taekwon Do e forme con le armi Maurizio B.; invece per quanto riguarda il combattimento si sono distinti alcuni studenti e atleti come Federico C. del quale si sono visti netti miglioramenti dall’ultima gara e ha ottenuto un meritato primo posto; in forma anche Elia R. che ha vinto nella sua categoria di combattimento, infine Beatrice Ballotta che, pulita, elegante e determinata, ha eseguito una forma con le armi ottenendo il primo posto e riconferma ben due primi posti in combattimento sconfiggendo di gran lunga tutte le sue avversarie.

Altro punto rilevante è che questo Italian National Championship Unified ® ha messo una pull arbitrale davvero giovane, ardita e leggermente maturata dall’ultima volta; tuttavia si richiede più attenzione nel giudizio del circuit breaking e dei combattimenti precisamente verso la tecnica che va a segno più che la foga dell’azione in sé.

A metà giornata sono stati accolti dal neo presidente, il Sindaco di Codognè avv. Roberto Bet e l’assessore alle attività culturali Lisa Tommasella che, dopo aver ringraziato la scuola Y. D. Master Francis School di Codognè per organizzare e ospitare tali eventi nel loro comune e dopo aver esaltato non solo le discipline insegnate ma anche il metodo della scuola, ha confidato di volersi iscrivere alla Master Francis School con l’inizio dei nuovi corsi! Forse in virtù di quel che ha dimostrato e detto Grm.  Jhoon Rhee in quel di Codognè.

Quindi davvero complimenti a tutti i partecipanti, che nel giorno della festa dei lavoratori non si sono tirati indietro, anzi, si sono impegnati e hanno ottenuto ottimi risultati, certamente graditi dalle scuole della Y.D. Master Francis School e alle altre scuole partecipanti che si ringraziano per la partecipazione assieme a giudici arbitri ed insegnanti!

Continuate così ragazzi!!E per coloro che attendono il Budo Mudo Camp ci si vede tutti la! E vi assicuro che quest’anno il Budo riserverà alcune sorprese molto…ninja!

B.B


 
PDF Stampa E-mail

Altruismo…

Nuova presidenza WOMA 2010

 

Il clima si raffredda e le stagioni cambiano, giusta la realtà che l’estate è finita.

L’estate è una stagione calda, “buona” per l’attività sportiva, in preparazione anche alla nuova stagione autunnale/invernale, che a seconda dei luoghi e ambienti, parlando sempre di clima si presenta sempre più o meno pungente. Ogni stagione e ogni luogo ha le sue usanze e le sue colture, che a volte si adattano bene se trapiantate, altre volte no.

Spesso accade che il coltivatore da terra dando cure e precauzioni per far si che la pianta cresca, può però, non aver successo pur avendo usato tutto questo.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail

CAMPIONATI  NAZIONALI  W.O.M.A.

 

 

21 MARZO 2010

Domenica 21 marzo 2010 hanno preso il via i Campionati nazionali WOMA, sotto una nebbia finissima che faceva apparire incerta la mattinata di primavera a Breganze di Vicenza.  Alle 8:30 il piazzale del Palahokey era quasi tutto pieno di auto e la nebbia ormai scomparendo. Dentro era tutto pronto: 3 quadrati di gara più il circuit breaking per gli under 12.premiazioni

Un’ultima occhiata ai tabelloni di gara che segnavano oltre i 200 atleti, più la pool arbitrale. Via poi verso il presidente WOMA in carica. Fin da subito egli si è mostrato presente, vigile sulla situazione e pronto a tranquillizzare dicendo: “In questa edizione c’è una pool arbitrale più consolidata e sempre più efficiente.”..e cosi è stato.

Alle 9, puntuale, dà il via ai campionati con un breve saluto e delle raccomandazioni ed attenzioni da avere durante la giornata, affinché tutto si svolga nel migliore dei modi.

Nella mattinata si sono viste delle belle esibizioni di forme di Taekwon Do da parte dei bambini e a seguire delle valide dimostrazioni di Shaoline Wushu, sia femminili che maschili.

circuit brakingBuona la prova delle categorie dimostrative seniores e quella degli over WOMA free style, sempre categoria forme .strative. Nella categoria forme ragazzi emergenti affiliati WOMA si sono evidenziati Alberto ., Yuri M., Ayman O. e Alberto e Alessia Z..

Il circuit breaking specialità dei ragazzi under 12 è risultato molto dinamico, con ottime prove sia maschili che femminili. Credo però che si dovrebbe studiare una ristrutturazione del regolamento sia di qualificazione che della finale. Certo sono ragazzi, ma si sono visti certi calci al volo e certe tecniche di rottura che lasciavano pensare non fossero bambini, e sicuramente avrebbero messo in crisi anche qualche diciottenne.

Ottimo l’arbitraggio del dinamico Renato P. e di tutta la pool arbitrale del quadrato gestito dall’alfiere WOMA Andrea ..

Dopo un frugale pranzo, offerto dall’organizzazione, tutti sono ritornati ai propri posti pronti per ripartire con le categorie combattimento.

Molti gli atleti in gara, soprattutto nella specialità punto stop (semi contact) e continuous point sparring (light contact). Un afflusso di atleti provenienti da svariate parti d’Italia, in particolare dal Nord Italia.

 

Non poteva mancare la pausa per l’intervento dell’Assessore allo Sport e alle Politiche di Breganze, Graziano Rigoni, che aveva avuto modo di seguire lo svolgimento della giornata, organizzata dalla WOMA seduto negli spalti frontali. Subito egli ha fatto notare che: “Un pubblico così non si vede a Breganze nemmeno alle gare nazionali di hockey. Ma la cosa più sorprendente dice: “mi ha fatto molto piacere vedere la vastità delle discipline e i team che si sono succeduti in questo torneo non competitivo.

Ben vengano questi eventi, soprattutto se operano anche nel nostro comune.” Anche se dalle urla e dal tifo sembrava tutt’altro che dilettantistico. Rapido ha poi chiuso con una stimata gioia nel sapere che un tale evento era stato organizzato in collaborazione con una società che da tanti anni opera nel comune di Breganze e che accoglie molti giovani ed adulti. Quindi uno scambio di riconoscimenti e premiazioni all’insegna del sociale per lo sport e si riparte con la categoria di combattimenti light contact.

Tra gli altri atleti affiliati WOMA si sono distinti nel combattimento il nostro ex alfiere Mattia Moschetta che dopo un anno di pausa è ripartito, seppur con qualche fatica.

giuriaOttima la prova degli arbitri che in questi quadrati hanno dovuto fare non poche azioni dinamiche per via degli scatti e dei movimenti veloci da parte degli atleti in gara. Tesi confermata dall’arbitro Luigi Favero, ex atleta e ex finalista ai campionati italiano WAKO, che ha affermato che nei nazionali WOMA in alcuni quadrati non ci si può distrarre un momento. Della stessa opinione il M° arbitro nazionale WOMA L.B. di Breganze secondo i quali c’è la necessità di istruire arbitri con più resistenza e tenuta della giornata.

Infatti le nuove leve di arbitri sono dei diesel quando partono, ma di fatto finiscono la loro benzina molto presto. Forse dovrebbero rileggere il manuale arbitrale della Woma.

Sempre più numerose nella WOMA le ragazze nel semi contact punto stop. Buona infatti la prova di Beatrice Ballotta nella categoria 50 kg.

Come spesso succede i tempi sono ristretti e i 3 quadrati di gara risultano insufficienti per gestire la mole di atleti. Nasce così qualche screzio, per lo più ingiustificato ed inopportuno. Già da tempo alla WOMA si discute sulle modalità di accesso ai campionati, e tra le proposte avanzate c’è quella di limitare l’accesso ai solo affiliati WOMA.

Tutto viene comunque rimandato al prossimo anno, dopo il 10° Budo Mudo Camp 2010, previsto per il 27-28-29-30 maggio ‘10.locandina

Si chiude così la 4° edizione dei Campionati Nazionali a Breganze. Lo smantellamento dei tappeti e dei tavoli in tarda sera, segna lo stop di una lunga giornata fatta di tanto lavoro, sempre a carico dei pochi baldi ragazzi vicentini e coneglianesi.

Un ringraziamento al M° Bertoncello e alla M° Ornella Bortoluzzi per avere organizzato questi campionati con stupende premiazioni e per la campagna pubblicitaria fatta con manifesti semplici e chiari, degni dell’evento. Il Presidente alla fine ha reso omaggio a tutti gli arbitri e fatto un doveroso brindisi in onore dei vincitori (e degli organizzatori) con la colorata ed urlante cantante brasiliana. Quindi tutti fuori dal palazzetto dove una stellata serata faceva quasi dimenticare la nebbia della mattinata.

Vivi ringraziamenti a tutti gli arbitri e giudici che hanno collaborato in questa edizione 2010.

 

M° Francis

 
PDF Stampa E-mail

21/10/2009

Nuova stagione sportiva 2009-2010
Saluto del Presidente

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail

17/4/2009

10° ANNIVERSARIO FONDAZIONE W.O.M.A.
Campionato Italiano W.O.M.A. – 22 marzo 2009 – Breganze (VI)

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 4

W.O.M.A.

Costituita innanzi al Notaio Dall'Antonia, l'anno 1999 il giorno 11 del mese di Marzo, in V. Veneto, TV.
Regolarmente iscritta all'ufficio registro di Treviso,
l'anno 1999 il giorno 02 del mese di Settembre, in Conegliano Veneto TV.
Logo e Marchio depositato presso l'ufficio brevetti di Treviso.